Separare le falsità dai fatti: Sindrome post-COVID-19 e vaccini

Separare le falsità dai fatti: Sindrome post-COVID-19  e vaccini

Last Updated on Luglio 28, 2023 by Joseph Gut – thasso

27 luglio 2023 – Il virus SARS-CoV-2 ha cambiato la vita di milioni e milioni di individui in tutto il mondo. Ha anche cambiato il comportamento della società nel suo insieme rispetto al comportamento più aggressivo e meno tollerante di gruppi di persone tra di loro. La continua discussione perversa e in gran parte disinformata sui vaccini è un esempio di questo tipo.

Molti organi colpiti e possibilmente interagenti nel syndrome post-COVID-19.

I vaccini anti-COVID-19 sono stati un punto di svolta per milioni di persone in tutto il mondo nella prevenzione della morte o della disabilità causate da SARS-CoV-2. In particolare, la ricerca suggerisce che offrano una protezione significativa contro quello che oggi viene chiamato syndrome post-COVID-19. Sindrome post-COVID-19  descrive una serie di condizioni caratterizzate da problemi di salute a lungo termine, multisistemici, spesso gravi che persistono o compaiono dopo il tipico periodo di recupero della malattia COVID-19. Sebbene siano in corso studi sul syndrome post-COVID-19, non c’è ancora consenso sulla definizione del termine. Tuttavia, sembra chiaro, tra le altre prove, sulla base di numerose segnalazioni spontanee di individui affetti, che syndrome post-COVID-19 colpisce più sistemi di organi, inclusi disturbi del sistema respiratorio, cardiovascolare, gastrointestinale e nervoso, salute mentale, metabolismo, dolore muscoloscheletrico, anemia e intolleranza all’esercizio / malessere post-sforzo. I sintomi più comunemente riportati di syndrome post-COVID-19 sono affaticamento e problemi di memoria. Sono stati segnalati anche molti altri sintomi, tra cui malessere, mal di testa, mancanza di respiro, anosmia (perdita dell’olfatto), parosmia (olfatto distorto), ageusia (distorsione o perdita del gusto), debolezza muscolare, febbricola e disfunzione cognitiva. Le stime della prevalenza di syndrome post-COVID-19 variano in base alla definizione, alla popolazione studiata, al periodo di tempo studiato e alla metodologia, generalmente comprese tra il 5% e il 50%. I sistemi sanitari in alcuni paesi e giurisdizioni si sono mobilitati per trattare questo gruppo di pazienti creando cliniche specializzate e fornendo consulenza.

Quanti geni predisponenti?

Al momento, non ci sono test o biomarcatori per diagnosticare syndrome post-COVID-19 e terapie dedicate per curarlo. Persistono affermazioni forse false e infondate fatte da alcuni gruppi antivaccino secondo cui i vaccini stessi potrebbero causare syndrome post-COVID-19. Queste affermazioni servono come barriere alla vaccinazione per molti.

Tuttavia, gli studi hanno costantemente scoperto che i vaccini anti-SARS-CoV-2 prevengono la nuova insorgenza di syndrome post-COVID-19 e le riacutizzazioni per le persone che hanno già la condizione. Oltre all’aspetto variabile dei fenotipi (clinici) di syndrome post-COVID-19, si ha una conoscenza limitata della predisposizione genetica dei pazienti a soffrire di syndrome post-COVID-19 e a sviluppare questi fenotipi. Mentre i pazienti con determinate predisposizioni genetiche soffrono preferenzialmente di infezione da SARS-CoV-2 (vedi alcuni contributi sul blog di thasso (1, 2, 3)), alcuni studi indicano che anche i geni possono essere coinvolti nello sviluppo di syndrome post-COVID-19 (vedi 4, 5). Per aiutare a separare i fatti dalle falsità, c’è un corpo di prove da ciò che gli studi clinici scientifici hanno trovato sulla vaccinazione e sul syndrome post-COVID-19.

Nel complesso, i vaccini anti-COVID-19 funzionano bene per prevenire gravi malattie causate dal virus dopo l’infezione acuta di individui.

I medici che lavorano nelle cliniche syndrome post-COVID-19 sospettano da anni che la vaccinazione possa aiutare a proteggere dallo sviluppo di syndrome post-COVID-19. In effetti, nell’ultimo anno, numerosi studi ampi e ben condotti hanno supportato questa nozione syndrome post-COVID-19.  RECOVER, pubblicato a maggio sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche elettroniche di oltre 5 milioni di persone a cui era stata diagnosticata la malattia da COVID-19 e hanno scoperto che la vaccinazione riduceva il rischio che sviluppassero il syndrome post-COVID-19. Sebbene i ricercatori non abbiano confrontato gli effetti dei richiami con l’essere completamente vaccinati senza di essi, gli esperti hanno suggerito che avere un ciclo completo di iniezioni consigliate può offrire la massima protezione. Allo stesso modo, una recensione pubblicata a febbraio su BMJ Medicine ha concluso che 10 studi hanno mostrato una significativa riduzione dell’incidenza di syndrome post-COVID-19 tra i pazienti vaccinati. Anche una sola dose di vaccino era protettiva. Una meta-analisi di sei studi pubblicata lo scorso dicembre su Antimicrobial Stewardship and Healthcare Epidemiology ha rilevato che una o più dosi di un vaccino anti-COVID-19 erano efficaci al 29% nella prevenzione dei sintomi del syndrome post-COVID-19. In una meta-analisi pubblicata su JAMA Internal Medicine, i ricercatori hanno analizzato più di 40 studi che includevano 860.000 pazienti e hanno scoperto che due dosi di un vaccino anti-COVID-19 hanno ridotto di quasi la metà il rischio di syndrome post-COVID-19.

È importante notare che in generale i vaccini anti-COVID-19 sono considerati molto sicuri, ma sono stati anche collegati a effetti collaterali molto rari, come coaguli di sangue e infiammazioni cardiache. Ci sono state anche segnalazioni aneddotiche di sintomi che assomigliano alla stessa syndrome post-COVID-19, una sindrome che è diventata nota come “Post Vac“, una condizione estremamente rara che può o meno essere legata alla vaccinazione. Alcuni individui hanno sviluppato sintomi suggestivi di syndrome post-COVID-19 che apparentemente persistono per mesi: annebbiamento del cervello, affaticamento, palpitazioni cardiache, non appena hanno ricevuto il vaccino anti-COVID-19. In realtà, uno studio chiamato LISTEN è stato organizzato presso la Yale University nel tentativo di comprendere meglio gli eventi avversi post-vaccino e un potenziale collegamento con syndrome post-COVID-19. Data l’apparente moltitudine di organi che possono essere colpiti da SARS-CoV-2 e la moltitudine di geni e varianti degli stessi che sono alla base dell’espressione e delle funzioni delle proteine in questi organi, questo studio pianificato affronta un compito formidabile. Naturalmente, bisogna anche rendersi conto che per milioni e milioni di persone vaccinate, e per un’incidenza di forse 1 su 10.000 persone vaccinate che soffrono di una eventi avversi indesiderata che si sviluppa in syndrome post-COVID-19, la società si confronta con centinaia di tali pazienti. E sì, questo pone di per sé un ulteriore problema di salute, proprio intorno al COVID-19.

[printfriendly]

Dichiarazione di non responsabilità: Le immagini e/o i video (se presenti) in questo blog potrebbero essere protetti da copyright. Tutti i diritti rimangono del titolare di tali diritti.

dottorato di ricerca; Professore di Farmacologia e Tossicologia. Esperto senior in medicina teragenomica e personalizzata e sicurezza dei farmaci individualizzata. Esperto senior in farmaco- e tossicogenetica. Esperto senior in sicurezza umana di farmaci, prodotti chimici, inquinanti ambientali e ingredienti dietetici.

Lascia un commento

Optional: Social Subscribe/Login

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.