Il Gambia: morti di bambini dovute a sciroppi per la tosse

Il Gambia: morti di bambini dovute a sciroppi per la tosse

Last Updated on October 18, 2022 by Joseph Gut – thasso

18 ottobre 2022 – “La polizia del Gambia collega i decessi infantili agli sciroppi per la tosse importati da un’azienda statunitense”. Questo è un rapporto di Reuters che illustra in modo tragico il problema della globalizzazione di tutti i processi coinvolti nella fornitura di farmaci ai pazienti bisognosi in tutto il mondo, in combinazione con la mancanza (a volte criminale) di assunzione di responsabilità di alcuni individui coinvolti in questi processi e le possibili insidie ​​​​associate.

Un paese piange i suoi bambini innocenti.

La morte di 69 bambini per danno renale acuto in Gambia è collegata a quattro sciroppi per la tosse prodotti in India e importati nel paese dell’Africa occidentale tramite una società farmaceutica con sede negli Stati Uniti, ha affermato la polizia del Gambia in un rapporto di indagine preliminare sulla morte di questi figli. In un avviso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), gli investigatori avevano già trovato livelli “inaccettabili” di glicole dietilenico e glicole etilenico, che possono essere tossici, nei quattro prodotti Promethazine Oral Solution, Kofexmalin Baby Cough Syrup, Makoff Baby Cough Syrup, e Magrip N Cold Syrup, in questo caso tutti prodotti e commercializzati dalla Maiden Pharmaceuticals Ltd con sede a New Delhi. A quanto pare, i prodotti sono stati trasferiti, dopo la loro produzione da Maiden Pharmaceuticals Ltd, alla American Atlantic Pharmaceuticals Company Ltd, con sede ad Atlanta GA, che ovviamente ha il permesso di esportare medicinali in Gambia. Da quel momento in poi, l’Agenzia di controllo medico del Gambia (MCA) è responsabile per quanto riguarda l’identità, l’efficacia e la sicurezza dei medicinali/farmaci sul mercato in

Apparentemente più importante: i profitti devono essere stati giusti.

Gambia, almeno secondo la sua stessa dichiarazione di missione. E ora, qualcosa ovviamente è andato terribilmente storto lungo la catena di questi farmaci che viaggiavano dall’India attraverso gli Stati Uniti al Gambia e, naturalmente, agli ultimi pazienti, i bambini innocenti che sono morti in questo caso. Evidentemente, c’è stata una mancanza di costosi controlli di qualità dei prodotti, presso i produttori, nelle società intermediarie commerciali e presso l’autorità di registrazione finale in Gambia. Possiamo solo sperare che questa sia stata una supervisione in qualsiasi momento e non calcolata un’elusione dei costi.

Le indagini della polizia criminale su questioni relative alla sicurezza della droga dovrebbero rimanere un’eccezione una tantum.

Le autorità del Gambia hanno avviato un’indagine da parte della polizia nel settembre 2022 dopo che i medici nel luglio 2022 hanno notato che un certo numero di bambini ha sviluppato sintomi di insufficienza renale dopo aver assunto sciroppi venduti localmente usati per curare la febbre. Lesioni renali hanno causato la morte di 69 bambini, secondo il governo, che ha sospeso le vendite di tutte le marche di sciroppi per la tosse sopra introdotti e li ha ritirati dalle farmacie e dalle famiglie. Secondo il rapporto di polizia risultante, il Gambia ha acquistato un totale di 50.000 bottiglie di quegli sciroppi. Il rapporto ha stabilito che su 50.000 bottiglie di sciroppi per bambini contaminati, 41.462 bottiglie sono state messe in quarantena o sequestrate e che, al contrario, 8.538 bottiglie sono rimaste disperse. Quest’ultima nozione è ovviamente un inaudito fallimento delle autorità di registrazione o forse dell’organizzazione del sistema sanitario in Gambia. Detto questo, può essere comprensibile che un (piccolo) paese con limitate risorse di esperti e professionisti potrebbe semplicemente non essere in grado di soddisfare tutti questi requisiti di garantire farmaci sicuri a tutti i pazienti. La dichiarazione della scorsa settimana del ministro della Salute del Gambia secondo cui “siamo tutti vittime della negligenza da parte dei produttori. Come paese, non abbiamo tutto le risorse e il personale. Non abbiamo un laboratorio di test antidroga” può illustrare questa situazione, tuttavia non dovrebbe affatto essere una scusa per la morte di bambini innocenti.

Secondo la dichiarazione del ministro, la proposta era che i partner internazionali potessero aiutare il paese a rafforzare i sistemi di monitoraggio dei farmaci e le normative sull’importazione, rilevando che il Gambia sta agendo in questa direzione. Dal momento che l’incidenza discussa potrebbe non essere un caso isolato su scala globale, si potrebbe dover pensare a un’agenzia di controllo della qualità esperta globale (GQCA), a casa, ad esempio presso l’OMS, dove tutti quei medicinali che vengono prodotti da qualche parte, stanno andando da qualche parte, stanno per essere venduti a terzi (agenzia, società, qualsiasi tipo di attività, ecc.) e stanno per arrivare al letto del paziente da qualche parte nel mondo, devono superare severi controlli di qualità potrebbero essere una futura soluzione al problema attuale.

Print Friendly, PDF & Email

Disclaimer: le immagini e/o i video (se presenti) su questo blog potrebbero esserlo protetto da diritto d’autore. Tutti i diritti restano del titolare di tali diritti.

Your opinion

Comment

Ancora nessun commento