I geni influenzano il nostro rischio di dipendenza?

I geni influenzano il nostro rischio di dipendenza?

Last Updated on November 11, 2022 by Joseph Gut – thasso

10 novembre 2022 – La tossicodipendenza è un enorme problema sociale delle nostre società odierne. Il problema non esiste solo negli Stati Uniti, ma anche in altri paesi del mondo, con un numero enorme di vittime a causa dell’alcolismo, del fumo e dell’uso di oppioidi e droghe illecite. La dipendenza e le sue abitudini associate, tuttavia, possono cambiare nel tempo, in base a cambiamenti e sviluppi sociali, economici e medici.

Ogni persona risponde ai farmaci e ai farmaci in modo diverso. Forse l’hai anche sperimentato. Supponi di prendere un farmaco e funziona bene. Ma la stessa pillola non fa nulla per un amico e fa star male un altro. Lo stesso vale per il comportamento di fronte all’alcol, agli oppioidi o alle droghe illecite. Alcuni individui li prendono una volta e non sviluppano mai l’impulso di prenderli ancora e ancora. Altri individui non possono resistergli e devono prenderli ancora e ancora, anche se spesso non lo vogliono nemmeno volentieri. Le persone vengono catturate dalla dipendenza.

Come nei casi di differenze nelle risposte dei singoli pazienti ai farmaci terapeutici, o della tendenza a sviluppare risposte avverse ai farmaci (ADR), differenze come queste sono spesso causate da differenze nei geni. Così, nel campo della dipendenza, gli scienziati hanno iniziato a cercare “geni della dipendenza“, per aiutare a spiegare le differenze biologiche che possono rendere una persona più o meno vulnerabile alla dipendenza. Tali geni legati alla dipendenza, o più precisamente variazioni genetiche degli stessi, possono essere associati a risposte come ad esempio una persona vulnerabile può avere un’elevata preferenza per una particolare sostanza o manifestare sintomi di astinenza estremi se tenta di smettere. D’altra parte, una persona può essere meno vulnerabile se non prova piacere da una droga che rende gli altri euforici.

Naturalmente, nessuno nasce destinato a sviluppare il disturbo da uso di sostanze. Come nella maggior parte delle altre malattie, i geni della persona, l’ambiente della persona e forse molti altri fattori confondenti determinano insieme il rischio di dipendenza. Solo perché tu (geneticamente) sei incline alla dipendenza non significa che diventerai dipendente. Potrebbe semplicemente significare che devi stare attento.

La dipendenza corre nelle famiglie

Quali sono i suggerimenti che lo sviluppo della dipendenza ha una base genetica? Per uno, il disturbo da uso di sostanze spesso è familiare. La figura a sinistra illustra questa Pedigreeosservazione per mezzo di un albero genealogico (albero genealogico della famiglia) che mostra le persone malate in rosso e i membri della famiglia non affetti in bianco. Questo indica una componente ereditaria, il che significa che può passare da genitore a figlio tramite i geni. Per questo motivo, le storie familiari offrono indizi su quanto potresti essere vulnerabile alla dipendenza come individuo. Ad esempio, se hai un parente stretto che è affetto, è un indizio per stare molto attenti.

I ricercatori usano anche le storie familiari. Confrontano le sequenze di DNA dei membri della famiglia per identificare i geni coinvolti nella dipendenza. In primo luogo, dividono la famiglia in due gruppi: affetti e non affetti. Successivamente, i ricercatori cercano segmenti di cromosomi che sono più comuni nelle persone affette rispetto a quelle non affette. Restringono i segmenti a geni specifici per studiare ulteriormente. Poiché le persone hanno vite complesse e varie, spesso vengono condotti studi approfonditi utilizzando animali in un ambiente di laboratorio controllato.

Molti geni e percorsi influenzano la dipendenza

È improbabile che gli scienziati trovino un solo cambiamento genetico (variante) in un singolo gene che causa la dipendenza di un individuo. È ragionevole presumere che, come la maggior parte delle altre malattie, il disturbo da uso di sostanze sia un tratto piuttosto complesso ed è influenzato da variazioni di più geni, che portano a cambiamenti in moltissimi percorsi fisiologici, da fattori ambientali e da molti altri noti o fattori confondenti sconosciuti.

Ogni persona eredita una combinazione unica di variazioni genetiche. Le persone con disturbo da uso di sostanze possono avere diverse cause genetiche sottostanti. E le persone che condividono determinate variazioni genetiche ad alto rischio possono o meno sviluppare il tratto. Mentre trovare la causa genetica precisa è complicato, più linee di ricerca mostrano che i geni influenzano l’uso di sostanze. Da studi accurati, gli scienziati stimano che il corredo genetico di una persona rappresenti circa il 40-60 percento del rischio di sviluppare effettivamente una dipendenza; tuttavia, le varianti genetiche possono lasciare protetti alcuni individui.

Alla scoperta dei geni della dipendenza

Lo studio dei topi ha portato alla scoperta di molti geni legati alla dipendenza, oltre a una comprensione più profonda di come funzionano questi geni negli esseri umani. Per saperne di più su come i modelli animali, come topi e moscerini della frutta, ci hanno insegnato così tanto sulla dipendenza, visita Modelli animali per la ricerca sulle dipendenze.

Pertanto, come gli esseri umani, i topi e altri animali hanno un percorso di ricompensa. Questo percorso di ricompensa funziona nei topi in modo molto simile agli esseri umani e molti dei geni che ne sono alla base sono simili anche nei topi e negli esseri umani. Pertanto, a volte nelle persone viene scoperto un potenziale gene correlato alla dipendenza. Quindi vengono utilizzati modelli animali per studiare in modo approfondito il funzionamento del gene. Altri geni vengono scoperti prima in un modello animale e poi confermati nelle persone.

Utilizzando questi approcci combinati, un discreto numero di geni è stato rilevato e caratterizzato nel loro funzionamento come geni correlati alla dipendenza. Ecco alcuni esempi di geni che influenzano il rischio di dipendenza:

  • Una variante allelica protettiva del gene dell’alcol deidrogenasi 2 (cioè, ALDH2*2) codifica per una proteina che non può scomporre l’alcol come farebbe normalmente. Le persone con ALDH2*2 avvertono nausea, rossore al viso, mal di testa e battito cardiaco accelerato quando bevono.
  • I topi che producono più proteine ​​​​dal gene Mpdz sperimentano sintomi di astinenza meno gravi da alcol e farmaci sedativi-ipnotici come i barbiturici.
  • La forma A1 (variante allelica) del gene del recettore della dopamina DRD2 è più comune nelle persone dipendenti da alcol, cocaina e oppioidi. La variazione probabilmente influenza il modo in cui i farmaci influenzano il percorso della ricompensa.
  • I topi con determinate variazioni nei geni Per1 e Per2 bevono molto più alcol del normale, specialmente sotto stress. Anche le persone, in particolare gli adolescenti, con variazioni specifiche di Per1 e Per2 sembrano più propense a seguire questo schema.
  • I moscerini della frutta senza il gene lunatico sono più sensibili alla cocaina. codici lunatici per una proteina necessaria per una sana barriera ematoencefalica.
  • Il gene PSD-95 codifica per una proteina coinvolta nell’apprendimento e nella memoria. I topi classificati come “supersensibili” alla cocaina producono circa la metà delle proteine ​​rispetto ai topi normali.
  • Le variazioni nel gene del recettore degli oppioidi mu (OPRM1) modificano la quantità di proteine ​​prodotte. Alcune variazioni sono più comuni nelle persone con disturbo da uso di oppioidi. Altri aumentano il rischio di dipendenza da alcol
  • Le persone con due copie di una certa forma del gene CHRNA5 hanno il doppio delle probabilità di diventare dipendenti dalla nicotina, rispetto alle persone con due copie di un allele diverso. CHRNA5 codifica per una proteina che aiuta le cellule a percepire la nicotina.
  • Nei ratti, la mancanza del recettore mGluR2 aggiunge sia rischio che protezione. I topi ottengono meno effetti gratificanti dalla cocaina. Se devono lavorare per ottenere il farmaco, tendono a non preoccuparsi. Ma se la cocaina è facilmente disponibile, ne consumano molta per sentirne gli effetti.

Dai geni al trattamento

Trovare i geni coinvolti nella dipendenza è un buon primo passo per trovare soluzioni terapeutiche. Comprendere come i geni causano differenze biologiche può portare a trattamenti migliori per il disturbo da uso di sostanze. Ogni nuovo gene correlato alla dipendenza scoperto è un potenziale “bersaglio della droga”. I ricercatori possono concentrarsi sul prodotto genico (proteina) e sviluppare un farmaco per modificarne l’attività. L’obiettivo è correggere segnali o percorsi e ripristinare la corretta funzione cerebrale.

Anche le terapie geniche sono in fase di sviluppo per curare la dipendenza. Una terapia genica testata sui topi genera anticorpi che intrappolano la metanfetamina, impedendole di raggiungere il cervello. In un altro, i topi trapiantati con cellule della pelle geneticamente modificate producono un enzima che degrada la cocaina.

Man mano che comprendiamo di più su come gli effetti dei farmaci variano da persona a persona, i test genetici possono informare il trattamento. A lungo termine, possono essere utilizzati per prevedere quali trattamenti potrebbero essere più efficaci in base al profilo genetico di un individuo in un approccio di Medicina di Precisione.

Vedi qui una sequenza sul tema:

 

Print Friendly, PDF & Email

Disclaimer: le immagini e/o i video (se presenti) su questo blog possono essere protetti da copyright. Tutti i diritti restano del titolare di tali diritti.

Your opinion

Comment

Ancora nessun commento