Ascendenza africana collegata a risultati peggiori del CRC

Ascendenza africana collegata a risultati peggiori del CRC

Last Updated on Maggio 10, 2024 by Joseph Gut – thasso

10 maggio 2024 – Le persone non ispaniche di origine africana in genere hanno esiti clinici peggiori dal cancro del colon-retto (CRC) rispetto agli individui di altre origini, una disparità attribuita a molti fattori, tra cui influenze socioeconomiche, ambientali e genetiche, nonché a un minore accesso curare. In generale, la disparità nelle cure mediche e nelle opzioni cliniche per alcune etnie è ancora un problema nella medicina moderna di oggi.

I risultati di un nuovo studio genomico sul cancro del colon-retto (CRC) forniscono maggiore chiarezza riguardo al pezzo genetico del puzzle: le persone di origine africana tendono ad avere meno alterazioni individuabili rispetto ai pazienti di altre etnie. I risultati sono stati presentati in un briefing e in una sessione di poster scientifici al meeting annuale 2023 dell’American Association for Cancer Research (AACR).

Nel complesso, i numeri ad oggi mostrano una tendenza chiara: l’incidenza e la mortalità per CRC sono più elevate tra i pazienti neri di altre popolazioni. Tuttavia, la misura in cui la differenza genetica gioca un ruolo in queste disparità rimane ancora poco chiara.

Nello studio presentato, i ricercatori del Memorial Sloan Kettering (MSK) Cancer Center di New York City hanno esplorato come le alterazioni genomiche somatiche e della linea germinale differiscono tra i pazienti di origine africana rispetto a quelli di origine europea e di altro tipo e come tali differenze potrebbero influenzare i risultati del CRC.

Pertanto, i ricercatori hanno confrontato i profili genomici di quasi 3.800 pazienti con CRC trattati presso MSK dal 2014 al 2022. I pazienti nello studio sono stati classificati in base all’ascendenza genetica come europei (3.201 pazienti), africani (236 pazienti), asiatici orientali (253 pazienti). ) e dell’Asia meridionale (89 pazienti). Il tumore e i tessuti normali dei pazienti sono stati sottoposti a sequenziamento del DNA di nuova generazione con un pannello che copre 505 geni associati al cancro. Un’analisi della sopravvivenza globale per discendenza genetica ha confermato i risultati di altri studi: la sopravvivenza globale era significativamente peggiore tra i pazienti di origine africana rispetto a quelli di altri gruppi (mediana 45,7 vs 67,1 mesi).

I ricercatori hanno utilizzato una base di conoscenze di oncologia di precisione (OncoKB) per assegnare livelli di attuabilità terapeutica per ciascuna alterazione genomica identificata. Il valore più alto assegnato è stato assegnato ai farmaci approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e che prendono di mira biomarcatori riconosciuti dalla FDA. Il valore più basso è stato assegnato ai biomarcatori per i quali esistevano prove biologiche convincenti che un particolare biomarcatore predicesse la risposta a un farmaco.

Il team ha scoperto che la percentuale di pazienti qualificati per l’immunoterapia sulla base dell’instabilità dei microsatelliti o dell’elevato carico mutazionale del tumore era significativamente più bassa tra i pazienti di origine africana rispetto a quelli di origine europea (13,5% vs 20,4%; P = 0,008). Rispetto a quelli di origine europea, i pazienti di origine africana presentavano un numero significativamente inferiore di alterazioni attuabili (5,6% vs 11,2%; P = 0,01). Questa differenza è stata in gran parte determinata dalla mancanza di mutazioni BRAF selezionabili (1,8% vs 5,0%)

Le mutazioni nel gene APC, il gene più frequentemente alterato nel CRC, sono tipicamente associate a esiti tumorali, ma gli autori hanno scoperto che la sopravvivenza globale era simile per i pazienti di origine africana indipendentemente dal fatto che avessero APC alterato o wild-type (sopravvivenza globale mediana). , 45,0 mesi per APC alterato vs 45,9 mesi per APC wild-type P = 0,91); Tuttavia, è stata osservata un’associazione significativa tra lo stato dell’APC e la

Illustrazione medica del cancro del colon-retto – Polipo

sopravvivenza globale per i pazienti di origine europea (mediana, 64,6 mesi per APC alterata, vs 45,6 mesi per APC wild-type; P < 0,0001).

Le analisi che tenevano conto di sesso, età, localizzazione del tumore primario e stadio alla diagnosi hanno mostrato anche un’associazione tra lo stato di APC e la sopravvivenza globale per i pazienti di origine europea (hazard ratio [HR], 0,64), ma non per i pazienti di origine africana (HR , 0,74, P = 0,492).

Le ricerche hanno notato che una limitazione dello studio è che le informazioni riguardanti il ​​trattamento completo, le esposizioni ambientali, lo stile di vita e i fattori socioeconomici non erano disponibili per l’analisi, ma che questi elementi probabilmente svolgono un ruolo importante nei risultati dei pazienti.

I ricercatori affermano che si tratta di un problema complesso che coinvolge molti fattori invisibili e che il panorama genomico è un pezzo di un puzzle molto più ampio. Hanno notato che gli studi futuri incorporeranno questi fattori nei modelli con l’obiettivo finale di identificare opportunità di intervento e migliorare i risultati.

Tieni presente che questo blog è una riscrittura parziale di un precedente articolo originario di Medscape. Tutti i diritti rimangono di Medscape e del rispettivo autore. Vedi qui anche una sequenza sul cancro del colon-retto (CRC):

 

Dichiarazione di non responsabilità: le immagini e/o i video (se presenti) su questo blog possono essere soggetti a copyright. Tutti i diritti rimangono del proprietario di tali diritti.

 

Print Friendly, PDF & Email

dottorato di ricerca; Professore di Farmacologia e Tossicologia. Esperto senior in medicina teragenomica e personalizzata e sicurezza dei farmaci individualizzata. Esperto senior in farmaco- e tossicogenetica. Esperto senior in sicurezza umana di farmaci, prodotti chimici, inquinanti ambientali e ingredienti dietetici.

Lascia un commento

Optional: Social Subscribe/Login

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.